Sopraelevare con il legno si può!

Con il passare degli anni possono cambiare le esigenze di spazio abitativo, si vorrebbero abitazioni più ampie, tanto da rendere indispensabile il ricorso alla soprelevazione.

Quando si decide di intervenire, costruendo un ulteriore piano sull’ultimo di un edificio, il materiale costruttivo ideale risulta essere il legno.
Anche se si tratta di un vecchio edificio in mattoni, la soprelevazione in legno è particolarmente indicata, proprio grazie ai vantaggi offerti da tale materiale, tra i quali:

– richiesta di tempi di costruzione brevissimi, infatti la posa delle pareti avviene in pocho giorni, evitando il più possibile disagi che potrebbero essere provocati alle famiglie residenti

– assoluta conformità ai principi di sostenibilità

– particolare leggerezza del materiale, in grado di non pregiudicare la stabilità dell’edificio (basti pensare che il peso specifico del legno varia da 0,45 kg/dm3 dell’abete ai 0,7 kg/dm3 della quercia, mentre quello di un mattone è di 1,4-1,8 kg/dm3)

– elevata efficienza energetica, poiché dal punto di vista del comfort termico ed energetico le pareti in legno garantiscono notevoli prestazioni

– la costruzione in legno non permette la penetrazione di umiditá nella struttura

– il nuovo spazio creato è immediatamente abitabile

Rispondi

Continua a leggere