Regione Lombardia sostiene i cittadini in difficoltà economica nel pagamento della rata del mutuo attraverso agevolazioni concordate con alcuni Istituti bancari.

L’ all’accordo con Banca Intesa San Paolo (misura scaduta lo scorso 31/12/2012) prevedeva la possibilità di sospendere o rimodulare la durata delle rate del mutuo stipulato per l’acquisto della prima casa, per un massimo di 12 mesi, per i cittadini residenti in Lombardia che nel periodo 1 giugno 2012 – 31 dicembre 2012 avevano subito uno dei seguenti eventi negativi:

• perdita del posto di lavoro

• sospensione dal lavoro, riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 gg

• morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza

• situazione di pagamenti regolari o con ritardi non superiori a 90 giorni

• Rimodulazione del mutuo per i debitori con una situazione di pagamenti

regolari e fino ad un massimo di ulteriori 10 anni, per una durata complessiva

di 40 anni.

L’accordo con UniCredit Credit Management (misura ancora attiva) prevede per i clienti mutuatari della Banca la possibilità per i cittadini residenti in Lombardia in situazione di insolvenza temporanea dovuta a morosità incolpevole di:

• vendere il proprio alloggio a UniCredit Credit Management Immobiliare S.p.A

• saldare il debito residuo con i proventi della vendita

• stipulare contestualmente un contratto di locazione ad un canone sostenibile, continuando a vivere nella stessa abitazione con la possibilità di riscatto (entro il quinto anno), con un’opzione di riacquisto entro l’ottavo anno.

Quest’ultima agevolazione scadrà il prossimo 30 giugno 2013.

Soggetti beneficiari

Clienti mutuatari, residenti in Lombardia, che, in relazione alla perdurante crisi in corso, sono o potrebbero trovarsi in difficoltà nel pagamento delle rate del mutuo per la prima casa.

Informazioni

Rispondi

Continua a leggere