Raffrescamento a pavimento

La stagione estiva è alle porte, ed imminente sembra essere l’arrivo dei primi grandi caldi, che riporta all’interesse di molte persone la tematica del raffrescamento, utile ad alleviare le giornate più afose.
Spesso si fa ricorso al tradizionale condizionatore, ma c’è anche chi preferisce utilizzare sistemi alternativi, tra i quali il raffrescamento a pavimento.

Grazie ad un unico impianto a pavimento è possibile ottenere caldo in inverno e fresco d’estate, garantendo inoltre bassi consumi.
Il raffrescamento a pavimento è senza alcun dubbio una delle più efficaci soluzioni impiantistiche in grado di assicurare alti standard di comfort climatico in ogni periodo dell’anno, grazie ad un funzionamento estremamente semplice, che prevede durante i mesi estivi l’invio dell’acqua fredda alle tubazioni del sistema a pavimento, mentre durante i mesi invernali viene inviata acqua calda per godere di temperature gradevoli, anche nelle giornate più gelide dell’anno.

Il raffrescamento a pavimento garantisce temperature uniformi, piacevole al corpo umano, in quanto diffonde un’immediata sensazione di benessere e comfort.

Tra i vantaggi tipici di tale tipologia di impianto, c’è senza dubbio quello estetico, è infatti possibile arredare l’ambiente in assoluta tranquillità, poichè si potrà sfruttare ogni spazio senza avere il problema di alcun ingombro, inoltre all’esterno dell’abitazione non si dovranno installare le ventole.

L’impianto è compatibile con diversi rivestimenti (parquet, ceramica, marmo) e può anche essere installato nelle pareti.
Tale sistema rappresenta anche un’ottima soluzione, utile ad eliminare il rumore tipico della ventilazione o gli sbalzi di temperatura, spesso fastidiosi, soprattutto per anziani e bambini.

 

Rispondi

Continua a leggere