Quando ristrutturare e quando demolire?

Ristrutturare una casa può voler dire procedere con i lavori di recupero di costruzioni scadenti, realizzate con scarsa attenzione da parte di personale non specializzato, oppure significa mettere a nuovo una struttura esistente da molti anni e quindi considerata troppo vecchia.
Quando si decidere di ristrutturare un edificio è innanzitutto necessario comprendere se si tratta di un’abitazione o di un ricovero attrezzi, inoltre si dovrà verificare se l’edificio è autorizzato o accatastato, e quindi ricostruibile con gli opportuni permessi richiesti.

In fase di ristrutturazione non deve mancare la previsione di un’adeguata coibentazione e un isolamento a cappotto che rappresenta un’ottima soluzione per migliorare il rendimento energetico delle costruzioni in legno. Talvolta è utile anche intervenite sulle facciate, cambiando gli infissi ormai datati, con serramenti qualitativamente superiori e vetri innovativi a basso consumo. Le case prefabbricate in legno, nonostante presentino pareti molto meno spesse rispetto a quelle tipiche di una casa tradizionale, garantiscono una coibentazione e un comfort termico imparagonabile, inoltre tali pareti, spesse soltanto 30 cm, consentono di guadagnare molto spazio all’interno dell’abitazione.

Qualora si dovesse stabilire, a seguito di valutazioni variabili per ogni caso, che mantenere la struttura dell’edificio da ristrutturare non è conveniente, si consiglia l’abbattimento integrale.
Spesso le vecchie costruzioni non presentano fondazioni adeguate e nemmeno dotate di isolamento, per questo l’umidità che risale dal terreno comporta gravi problemi di difficile soluzione.
Se l’edificio presenta gravi difetti strutturali già dopo pochi anni, si consiglia di prendere in considerazione l’ipotesi dell’abbattimento per dare vita ad una nuova costruzione poiché, in questo caso una ristrutturazione risulterebbe sconveniente a livello economico, dato che sarebbe necessario sostituire la maggior parte degli elementi strutturali. Infiltrazioni di acqua, spifferi, muffe, umidità sono tra i più comuni segnali di una costruzione inadeguata, e ciò spesso accade quando ci si rivolge ad aziende poco serie e a progettisti non qualificati.

Per prendere la giusta decisione è necessario iniziare con un sopralluogo, accurate verifiche sul campo e test statici per valutare al meglio i possibili interventi.

Ristrutturare o costruire case prefabbricate in legno è conveniente e garantisce tempi di intervento brevissimi rispetto a quelli previsti per una tradizionale costruzione in muratura.

Rispondi

Continua a leggere