PAVIMENTI E RIVESTIMENTI

 

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI
Anche nella scelta dei materiali per i pavimenti e dei rivestimenti si deve fare molta attenzione ad evitare quelli che determinano insalubrità.

Occorre prestare molta attenzione ai materiali di finitura di una abitazione per evitare che emettano gas nocivi per la salute.

E’ bene, quindi, indirizzarsi all’acquisto ed all’applicazione di vernici che non contengano solventi dannosi, di collanti non ureici, ne fenolici, preferite l’uso di collanti che danno uguale affidabilità in ambienti asciutti, della ceramica o dei rivestimenti murali.

Negli ambienti di servizio evitate la soluzione della ceramica a tutt’altezza: i vapori prodotti dalle attività di questi ambienti devono poter essere smaltiti anche attraverso le pareti, soprattutto nel periodo invernale, per evitare fenomeni di condensa e determinare atmosfere insalubri all’interno dell’abitazione.

Eliminate le moquette sintetiche.

Nella scelta dei mobili, se non potete permettervi dei mobili in massello o comunque di legno (proveniente sempre da foreste controllate), indirizzatevi su elementi a bassa emissione di formaldeide (classe E1).Per i trattamenti delle travature lignee e dei parquet preferite prodotti naturali (a base vegetale e minerale): sono più facili da mantenere (l’utilizzo della vernice sintetica e poliuretanica prevede il ripristino della intera superficie trattata, mentre la ripresa di una finitura a cera è possibile farla limitatamente alla zona danneggiata) e non hanno controindicazioni, se non un costo superiore; inoltre nelle prestazioni sopperiscono interamente agli attuali trattamenti sintetici, creando effetti molto più morbidi e meno artificiali.

Altri materiali adatti per la pavimentazione sono il linoleum e la gomma, entrambi consigliati dove c’è molta usura al calpestio e facili da mantenere (ospedali, le scuole, ecc…).
Per questi è necessaria una successiva manutenzione con detersivi e finiture naturali e atossici.

ASSI E PARQUET
Il legno è una buona soluzione per ricoprire il pavimento: ha un’ottima resistenza ed è isolante termico, ma è necessario che i trattamenti non compromettano la qualità e l’innocuità del materiale grezzo.

I trattamenti del legno sono eseguiti con prodotti a base minerale e vegetale, le finiture sono a cera a olio con vernici acriliche.

Le colle meno pericolose sono quelle solubili in acqua, a base acrilica e di lattice bianco, un buon artigiano però potrà rifinire le assicelle in modo che possano incastrarsi fra loro e quindi sia possibile assicurarle alla base del pavimento con un’inchiodatura cieca.

Il procedimento può essere applicato sia su pavimenti a base di legno sia su basi di calcestruzzo; in quest’ultimo caso però bisognerà prevedere l’installazione di piccoli spessori di legno su cui inchiodare le assi del pavimento.

Un altro tipo di posa è chiamata “galleggiante” quando le assi di legno poggiano su materassino isolante (dello spessore di circa 3mm).
 

 

Rispondi

Continua a leggere