Migliorare le prestazioni energetiche con il sole

Una casa prefabbricata in legno garantisce elevatissime prestazioni energetiche, in particolar modo grazie allo sfruttamento delle fonti rinnovabili, tra le quali il sole, la fonte energetica pulita per eccellenza, che può essere utilizzata sia per il riscaldamento della casa, sia per la produzione di elettricità.

Uno fra i molteplici motivi che spingono le persone a scegliere una costruzione prefabbricata in legno sono i grandi risparmi che questa può garantire, ovviamente è necessario che la struttura sia costruita a regola d’arte, prestando grande attenzione alla realizzazione del cappotto esterno e soprattutto al sistema di isolamento, la cui posa deve essere eseguita al fine di evitare il più possibile la formazione di ponti termici, in particolar modo nei punti di discontinuità, nonché i più critici.

I prefabbricati in legno quindi sono strutture ad alta efficienza energetica, che grazie all’installazione di impianti ad energia rinnovabile possono ottenere maggiori risparmi in bolletta. L’energia rinnovabile più utilizzata per produrre energetica termica ed elettrica negli edifici residenziali è sicuramente il sole, sfruttato per il riscaldamento domestico e per la produzione di acqua calda sanitaria oppure per la produzione di energia elettrica. Nel primo caso servirà installare un “impianto solare termico”, nel secondo caso invece si avrà bisogno di un “impianto fotovoltaico”

IL SOLARE TERMICO
L’impianto solare termico sfrutta la luce del sole per la produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento domestico.
Il suo funzionamento è molto semplice e necessita di pochi strumenti, tra i quali: un collettore, un serbatoio utile ad accumulare acqua, un circuito di collegamento e dei sistemi di regolazione e controllo. Il collettore viene immerso in un fluido che a sua volta viene irraggiato e scaldato dalla luce solare, in un secondo momento tale fluido viene trasferito in un serbatoio di accumulo attraverso un circuito di collegamento e da questo viene portato in tutta la casa per poter essere utilizzato o per l’acqua calda sanitaria oppure per il funzionamento dei sistemi di riscaldamento.

IL SOLARE FOTOVOLTAICO
A differenza del solare termico, utile per il riscaldamento domestico e per la produzione di acqua calda sanitaria, l’impianto solare fotovoltaico serve per produrre energia elettrica. Ha un funzionamento più complesso rispetto a quello del solare termico e sono serviti diversi anni per giungere alle moderne applicazioni, basti pensare che i primi esperimenti sull’effetto del fotovoltaico risalgono alla prima metà dell’Ottocento e solo durante seconda metà del Novecento le proprietà fotovoltaiche della luce solare hanno iniziato ad essere sfruttate per ottenere energia elettrica, prima in modo sperimentale, ora anche in modo commerciale.
Alla base del funzionamento di un impianto fotovoltaico vi sono i moduli di celle solari, realizzate in silicio a cristallo singolo o multicristallino. Quando una cella solare è esposta alla luce, i fotoni generano cariche elettriche che, circolando in un circuito esterno, generano corrente elettrica.
I progressi in tale settore sono incessanti e il continuo miglioramento delle prestazioni energetiche va di pari passo con l’abbassamento dei costi di mercato.
Senza alcun dubbio si tratta della tecnologia sulla quale si fanno i maggiori investimenti privati e pubblici, poiché si tratta di una tecnologia pulita, capace di apportare un enorme contributo al fabbisogno elettrico mondiale.
Grazie al fotovoltaico è possibile realizzare impianti di varie dimensioni: molto piccoli (poche decine di watt), molto grandi (anche milioni di watt) oppure intermedi , utilizzati soprattutto per la produzione di energetica nelle case, nei condomini, nelle aziende, ecc..

Rispondi

Continua a leggere