Le case in legno non si svalutano

Il tema relativo alla possibile svalutazione nel tempo di una casa prefabbricata in legno sembra preoccupare alcuni dei nostri potenziali acquirenti, i quali spesso si domandano se questo sia un problema reale e rilevante.

 Tra i numerosi pregiudizi (troppo spesso infondati), la preoccupazione che tale tipologia di edificio possa perdere il suo valore in un lasso di tempo decisamente breve è un mito che ci sentiamo in dovere di sfatare.
Anche se nel nostro Paese non si è ancora ben sviluppato e diffuso un vero e proprio mercato immobiliare degli edifici in legno a basso consumo, è doveroso ricordare che l’impiego di materiali e sistemi costruttivi in bioedilizia, il basso consumo energetico certificato, la salubrità e il comfort termoacustico rappresentano un grandissimo valore aggiunto di notevole rilievo che peserà positivamente all’interno della valutazione economica del fabbricato.

Sebbene oggi l’interesse verso la bioedilizia e le case in legno sia in costante crescita, in particolar modo nelle località del nord Italia, rimangono ancora molti dubbi ne perplessità tra i potenziali acquirenti, a causa della scarsa conoscenza verso questa innovativa tipologia costruttiva.
Sicuramente il clima di incertezza verso le case biologiche è destinato a scemare, grazie alla spinta propulsiva delle normative, non solo in tema di dispersioni termiche degli edifici, che porteranno, al contrario, a deprezzare gli immobili costruiti con logiche speculative e poco isolati termacusticamente.

Per tali ragioni quando si decide di acquistare una struttura è bene che siano fatte delle attente valutazioni, poiché talvolta realizzare una nuova casa risulta più vantaggioso che acquistarne una già esistente, che con molta probabilità dovrà essere ristrutturata o resa conforme alle più recenti normative, comportando così un’inevitabile ed importante spesa da sommare ai soldi richiesti per l’acquisto dell’edificio.
Ecco che in quest’ultimo caso bisognerà fare tutte le necessarie valutazioni sull’immobile, verificare quelli che sono gli impianti installati e quale è il loro stato, inoltre bisogna accertarsi che il vecchio proprietario abbia provveduto a tutte le manutenzioni periodiche.

Possiamo dunque affermare con certezza che il valore di mercato di una casa prefabbricata in legno non teme particolarmente il passare del tempo, proprio perché tali strutture offrono grandissime prestazioni a livello energetico per merito del notevole isolamento termico garantito dal materiale costruttivo.

Rispondi

Continua a leggere