L’impianto di ventilazione di una casa passiva

L'impianto di ventilazione di una casa passiva

L’impianto di ventilazione è un elemento fondamentale all’interno di una casa passiva che necessita di mantenere la temperatura costante in tutti i mesi dell’anno, al fine di garantire un adeguato ricambio dell’aria in tutti gli ambienti dell’edificio, attraverso la riduzione dei consumi energetici grazie ad un minor utilizzo dell’impianto di riscaldamento e di climatizzazione.

La predisposizione di un sistema di ventilazione in una casa passiva consente di aerare gli ambienti senza dover ricorrere alla frequente apertura e chiusura delle finestre, evitando così di alterare l’equilibrio necessario al mantenimento della temperatura, ottenuto per merito del corretto orientamento della casa che sfrutta il più possibile i benefici dell’irraggiamento solare e anche per merito della notevole qualità di finestre ed infissi in grado di chiudere ermeticamente l’intera struttura proteggendola dal calore estivo e dal freddo invernale.
Con l’impianto di ventilazione inoltre è possibile far circolare all’interno degli ambienti aria pulita, priva di inquinamento, ottimale per coloro che soffrono di malattie respiratorie, come allergie, asma, raffreddori stagionali, ecc…

L’installazione di un impianto a ventilazione con recupero di calore potrebbe essere la soluzione ideale da adottare all’interno di una casa passiva, poiché tra i principali obiettivi di tale tipologia di struttura vi è senza alcun dubbio quello della riduzione del consumo energetico, risultato non realizzabile con la quotidiana areazione attraverso l’apertura delle finestre, come generalmente avviene in una casa tradizionale in muratura che non presenta i requisiti di passività.

L’impianto a ventilazione con recupero di calore prevede che l’aria calda in uscita dall’ambiente della cucina o dal bagno, sia convogliata verso uno scambiatore a flusso nel quale l’aria fredda che entra riceve fino al 90% del calore in uscita che viene completamente recuperato, permettendo all’aria di distribuirsi negli ambienti in modo omogeneo e del tutto ecosostenibile; inoltre tale sistema potrebbe anche risultare più efficiente con l’installazione di una pompa di calore geotermica, che aumenterebbe la temperatura e il riscaldamento dell’aria in entrata.

Per far comprendere l’esatto funzionamento della ventilazione è necessario evidenziare che l’impianto di areazione prevede un sistema di riciclaggio del calore, per cui l’aria fresca dell’ambiente passa all’interno di uno scambiatore di calore, in grado di assorbire il calore stesso che poi verrà trasferito all’aria in ingresso.

Tale funzionamento non deve far pensare che il sistema crei all’interno dell’edificio flussi di aria percepibile, poiché l’impianto è adeguatamente integrato con la struttura, affinché il percorso dell’aria e la sua distribuzione non sia percepita dagli occupanti. Durante i mesi più caldi inoltre, l’impianto di ventilazione è in grado di sostituire il sistema di climatizzazione, contribuendo sensibilmente alla riduzione dei consumi energetici, all’impatto ambientale e alla riduzione delle dispersioni termiche di circa l’80%.

Rispondi

Continua a leggere