L’edificio passivo più alto al mondo a New York

Si dice che i record del legno vengano battuti ogni giorno, ma l’impresa di Cornel Tech è da Guinness World Records. All’interno di una nuova area, nella parte meridionale dell’isola di Roosevelt a New York, verrà innalzato l’edificio passivo più alto al mondo e sarà concluso, entro la fine del 2017. Il nuovo campus eco sostenibile verrà assegnato alla Cornell University per 99 anni. Una casa passiva è un edificio che consuma dal 60 per cento al 90 per cento in meno di energia rispetto alle tradizionali abitazioni, in sostanza una soluzione eco sostenibile. L’attuale detentore del record è un grattacielo di 20 piani, affacciato sul canale del Danubio a Vienna. Il nuovo record sarà, invece, un edificio passivo di 26 piani interamente pensato in funzione del risparmio energetico, ci saranno 352 unità abitative per docenti e studenti del campus dell’università di scienze applicate, appartamenti che verranno affittati a prezzi sotto mercato. Il grattacielo si innalzerà tra il parco e le aule eco compatibili. 882 tonnellate di CO2 il risparmio annuo a confronto con un’altro edificio tradizionale dalle medesime dimensioni. Lo studio di architettura Handel Architects, che ha realizzato il progetto, ammette che si tratti di un vero e proprio esperimento, un’impresa mai provata prima, essendo un lavoro di estrema precisione su dimensioni di 82.300 metri quadrati sviluppati in altezza. In genere la maggior parte degli edifici costruiti finora, con calore prodotto all’interno e senza alcun impianto di riscaldamento tradizionale, con efficienza energetica eccellente, sono abitazioni unifamiliari, una sfida ben differente quella della Handel Architects, ciò significa, che l’edificio dovrà essere sigillato esternamente con un involucro semi impermeabile. Grazie ad alcuni accorgimenti di progettazione, come grandi finestre per catturare la luce naturale, speciali sistemi di ventilazione appositamente studiati e pareti con maggior spessore, potrà essere superato il problema principale del riscaldamento. Lo studio assicura, inoltre, che tecnicamente non esistono limiti alle dimensioni per la costruzione di una casa passiva e che il primo grattacielo passivo con i suoi impianti, farà da pioniere ad altri grattacieli. Ispiratori dell’idea gli edifici eco sostenibili europei. Quest’impresa costerà 115 milioni di dollari pari a 135 milioni di euro e porterà un risparmio energetico del 70 per cento dei consumi che verranno ammortizzati in tempistiche brevi. Per la grande mela un nuovo record da raggiungere.

Rispondi

Continua a leggere