Installare un impianto a energia rinnovabile

Gli esperti forniscono consigli utili per installare un impianto ad energia rinnovabile, per diminuire l’impatto ambientale e per tagliare i costi della bolletta energetica. Un investimento che non comporta troppo denaro che possiamo quantificare in circa quattro o cinque mila euro con un consumo di circa 4 metri quadrati, è l’impianto solare termico un dispositivo che converte le radiazioni solari in energia termica per la produzione di riscaldamento e acqua calda. E’ possibile posizionare l’impianto sul tetto, sul terrazzo oppure in giardino, con un beneficio per l’ambiente pari a  1500 kg di CO2 all’anno, ma non solo all’ambiente, ne giova con l’installazione di un impianto solare termico, anche il portafoglio, infatti si ha un risparmio economico fino al 60 per cento dei consumi per un nucleo familiare di 3 persone, aggiungendo un ulteriore 30 per cento qualora si dovesse scegliere un riscaldamento a pavimento. Un altra risposta al risparmio è un impianto voltaico, in parole semplici, un installazione di moduli in grado di ottenere energia elettrica utilizzando la luce solare, installando un impianto di 1 kWp si ha la possibilità di coprire anche il 40 per cento dei consumi di elettricità di una famiglia. L’installazione di un impianto geometrico in grado di sostituire condizionatore e caldaia grazie allo sfruttamento del calore della terra è sicuramente un altro buon consiglio. Infine, non da meno, l’istallazione di una pompa di calore, che grazie allo sfruttamento dell’energia termica, consente di tagliare i consumi fino al 75 per cento. E’ possibile inoltre, approfittare, dell’agevolazioni fiscali del 65 per cento introdotte dal governo, fino al 31 dicembre 2015, per tutti gli interventi di miglioramento dell’efficenza energetica. Installazione d’impianti ad energia rinnovabile, sostituzione della vecchia caldaia con modelli nuovi come le caldaie a condensazione.

Rispondi

Continua a leggere