IMPIANTO ELETTRICO capitolo 1

La corretta realizzazione di un impianto elettrico è dettata dalla legge 46/90 che ha come obbiettivo la sicurezza dei cittadini.

Gli impianti elettrici di una casa costituiscono un potenziale pericolo per la salute? Secondo i fautori della “casa ecologica” il campo elettrico e magnetico che producono possono causare mal di testa ed altri disturbi, come si può intervenire, senza rinunciare alle comodità dell’energia elettrica?

Ecco i consigli:

1. Non sovradimensionare gli impianti, meno tubi e fili percorrono la casa meglio è. Spesso gli impianti elettrici si attorcigliano su se stessi e altrettanto di frequente si verifica che, a dispetto del numero di spine distribuite, quella giusta manchi e si usino prolunghe con mille derivazioni collegate.
2. Se si costruisce una casa nuova, o la si ristruttura, è bene progettare l’impianto elettrico in linea, con una conformazione a stella e non a cerchio, per non creare un circuito chiuso del campo elettrico. E per non amplificare in una sorte di effetto ad antenna i fenomeni di alterazione del campo elettromagnetico.
3. Nei locali dove si soggiorna maggiormente, è consigliabile schermare i fili per abbattere il campo elettrico, inserendo le linee in tubi metallici collegati tra loro e messi a terra in più punti o utilizzando cavi già schermati.
4. Al momento di stipulare il contratto ENEL scegliere la potenza più bassa per il contatore compatibilmente con il consumo previsto.
5. Utilizzare un disgiuntore di corrente, l’interruttore che stacca la distribuzione al contatore quando non viene richiesta elettricità nei diversi ambienti. Quando viene spenta l’ultima luce il disgiuntore entra in funzione evitando la circolazione della potenza elettrica.
6. L’impianto elettrico deve avere un’ottima messa a terra per scaricare al suolo le energie vaganti.
7. Vanno messe a terra anche le masse metalliche presenti in un edificio, come le condutture dell’acqua e le strutture metalliche. 8. Scegliere elettrodomestici, computers e altri apparecchi, a bassa emissione di radiazione e.m.

 

 

 

 

 

Rispondi

Continua a leggere