Il riscaldamento a pellet

Una casa prefabbricata in legno, affinché rispetti totalmente l’ambiente e la natura, deve adottare impianti di riscaldamento alternativi ed eco-friendly, come per esempio le stufe e i camini a pellet, che assicurano un ottimo rendimento, bassi costi di gestione e minimi livelli di emissioni.
Il pellet è un materiale al 100% naturale che garantisce il pieno rispetto per l’ambiente, è composto dagli scarti di legno essiccato, tritato e pressato in piccoli cilindri.

Il legno oltre a poter essere il materiale principale utilizzato per la realizzazione della propria abitazione può anche essere il principale combustibile per riscaldare gli ambienti in maniera totalmente pulita, efficiente e soprattutto ecosostenibile. Con tale tipo di riscaldamento infatti, vengono prodotte minime emissioni di inquinanti e di zolfo, e proprio grazie all’utilizzo del pellet come combustibile è possibile ridurre la dipendenza da fonti non rinnovabili, quali il petroli, il gas e il carbone.

Il riscaldamento a pellet necessità di un collegamento alla rete elettrica ed è dotato di una canna fumaria di misure ridotte (80/100 MM di diametro)
e di una ventola collocata all’interno della stufa che estrae verso la canna fumaria i fumi o residui di combustione prodotti dalla combustione stessa.

Il pellet inoltre può risultare vantaggioso dal punto di vista economico, poiché è meno caro rispetto ad alti combustibili, inoltre si differenzia per il fatto di essere ecologico, l’ideale per coloro che vivono in una casa in legno e seguono uno stile di vita eco-friendly.

Le stufe e i caminetti a pellet hanno linee eleganti e raffinate che si adattano sia ad un arredamento moderno che ad un arredamento di tipo classico, inoltre tale materiale non necessita di grandi spazi grazie alle sue piccole dimensioni che lo rendono facile da accumulare e collocare.

E’ importante ricordare che il pellet deve essere caricato manualmente e ciò potrebbe essere un problema per chi è spesso fuori casa e vorrebbe programmare anticipatamente l’accensione.

Rispondi

Continua a leggere