Il corretto orientamento di un’abitazione

Il corretto orientamento di una struttura è fondamentale per la qualità dell’ambiente domestico e soprattutto per i costi di gestione della casa, poichè permette di risparmiare sulle spese per il riscaldamento e sulle spese per l’illuminazione.

La forma, il colore e l’orientamento di un edificio possono influire moltissimo sul risparmio energetico e sulla distribuzione del calore solare all’interno dell’ambiente in cui viviamo. E’ molto importante che ogni stanza possa ricevere e beneficiare della luce naturale del sole, almeno per qualche ora durante il giorno, affinché sia possibile evitare di ricorrere alla luce artificiale per godere dell’effetto purificante che i raggi e le radiazioni solari producono nei confronti dell’aria di casa nostra.
La bioarchitettura, nonché quell’insieme delle discipline che presuppongono un atteggiamento ecologicamente corretto nei confronti dell’ecosistema, ritiene che queste siano benefiche a livello energetico sul nostro organismo, basti pensare alla sensazione gradevole che il nostro corpo percepisce quando apriamo al finestra la mattina e sentiamo il calore del sole entrare nella stanza.

La progettazione di una struttura è una fase di grandissima importanza, durante la quale sono definiti dettagli fondamentali, tra i quali l’orientamento ottimale della casa rispetto al percorso del sole, affinché ogni ambiente interno possa sfruttare al meglio l’irraggiamento diurno.

Ma come collocare nella giusta posizione le stanze?

Sud: a sud dovrebbero essere collocate quelle stanze che necessitano di molta luce, nonché quelle stanze nelle quali si passa la maggior parte delle ore della giornata e che di conseguenza necessitano di luce e calore per tutto il giorno. La posizione ideale della cucina sarebbe a sud-est, quella per il soggiorno invece a sud- ovest, per poter beneficiare del sole pomeridiano.

Nord: a nord è consigliabile collocare tutti quegli ambienti che non necessitano di molta luce, come per esempio le scale, i ripostigli, i bagni e i corridoi. Gli ambienti di servizio che vengono posizionati sul lato più freddo della struttura possono inoltre fungere da “cuscinetto termico” per i le stanze della zona giorno, affinché siano protette e isolate dalle rigide temperature invernali.

Est: l’est è particolarmente indicato per le stanze adibite al riposo notturno, che potranno beneficiare dei primi raggi solari durante la mattina per un ottimo risveglio sia per il corpo che per la mente! Una camera da letto colpita dai raggi solari di prima mattina consentirà l’apertura delle finestre per il ricambio dell’aria anche quando le temperature sono più rigide.

Ovest: l’ovest è sicuramente la zona più indicata per lo studio, la sala e tutti gli ambienti adatti al rilassamento, poiché sarà possibile godere della luce calda e intensa del sole durante le ore pomeridiane e durante il tramonto.

Rispondi

Continua a leggere