Gli infissi di una casa in legno

Legno, alluminio o pvc? Qual’è l’infisso più indicato per una casa prefabbricata in legno a basso consumo energetico? Quanto un serramento è in grado di incidere sui costi complessivi di un’abitazione?

Le vetrate e gli infissi di una casa rappresentano senza alcun dubbio un punto fondamentale dell’involucro edilizio dal punto di vista termico, pertanto devono essere isolati il più possibile, affinché non si abbatta la coibentazione complessiva dell’edificio.

Generalmente la maggior parte del calore prodotto all’interno di una struttura si disperde attraverso le finestre, soprattutto nelle costruzioni realizzate in economia dal dopoguerra ad oggi.
E’ doveroso sottolineare che la scelta del materiale rappresenta solo un aspetto nella scelta delle finestre, poiché è di fondamentale importanza una corretta posa in fase di costruzione (in stabilimento per quanto riguarda una struttura prefabbricata).

Nel caso di un edificio non isolato le finestre vengono montate su un controtelaio in legno o in lamiera, fissato semplicemente con malta al muro.
Per rendere meno difficoltoso il montaggio si lasciano quasi sempre 2-3 centimetri di spazio, successivamente riempiti con della schiuma poliuretanica e silicone, infine per completare l’opera è sufficiente inserire una soglia in marmo passante.


Al contrario, una finestra a taglio termico deve essere installata correttamente su un controtelaio isolato, essere caratterizzata da un valore di trasmittanza basso (U inferiore a 1,2 W/m2K), affinché sia garantita un’adeguata barriera all’aria ed al vapore indoor, un efficace isolamento termo-acustico ed un’ottimale impermeabilità all’aria esterna ed alla pioggia.

Accoppiando serramenti isolati a vetri termoisolanti sarà inoltre possibile limitare la dispersione del calore invernale ed il surriscaldamento estivo, senza dimenticare di posizionare correttamente le vetrate di maggiori dimensioni a sud e limitando le aperture verso nord.

Il legno è un materiale naturalmente isolato con il quale è possibile realizzare infissi molto belli e particolarmente efficienti, trattati e impregnati con prodotti di ultima generazione molto durevoli, affinché sia possibile limitare le periodiche manutenzioni, che con il passare degli anni diventeranno indispensabili a causa di un minimo deterioramento procurato degli agenti atmosferici.
Per tale ragione alcune aziende propongono infissi realizzati in legno dotati di una protezione esterna in alluminio, i quali necessitano soltanto di una semplice pulizia e non si degradano con il passare degli anni. L’alluminio essendo un metallo conduce efficacemente il calore, ma il montaggio sul legno non comporta un peggioramento della capacità di isolamento dell’infisso.
Per quanto riguarda il pvc invece, possiamo affermare che si tratta di un materiale molto diffuso e abbastanza apprezzato, proposto da moltissime aziende poiché si tratta di un prodotto economico che non richiede particolari manutenzioni, non si deforma e non si dgrada a causa degli agenti atmosferici. Nonostante ciò è comunque giusto ricordare che si tratta di un materiale plastico, non riciclabile e non bioedile (a differenza del legno), pertanto non sempre risulta gradito.
Gli infissi realizzati completamente in alluminio sono quelli tra i più costosi, ma non sempre sono totalmente efficienti, anche se per stabilire il reale il valore di trasmittanza termica è necessario verificare anche la costruzione dei profili e del telaio, nonché gli spessori della finestra e la presenza di camere interne.

Rispondi

Continua a leggere