Ecocompatibilità e sostenibilità ambientale

Le case prefabbricate in legno sono ecosostenibili ed ecocompatibili, grazie alla loro struttura e all’utilizzo di un’impiantistica sofisticata e una tecnologia all’avanguardia, per questo motivo rapprsentano la soluzione ideale e intermedia tra il tradizionale e l’innovazione, grazie ad un sistema semplice ma sicuro, rispettoso della natura e dell’ambiente, capace di soddisfare ogni esigenza di design architettonico.

Oggi gli edifici in legno sono vere e proprie case arricchite con soluzioni sofisticate, energeticamente performanti e in grado di incidere limitatamente sull’inquinamento ambientale. 

La realizzazione di tali moderni edifici consente, a differenza di quanto avviene per la costruzioni di edifici tradizionali, l’utilizzo di bassissime emissioni di CO2 nell’atmosfera, in quanto il processo produttivo necessità di poca energia, riducendo così il carico inquinante; inoltre non si adoperano sostanze nocive e nessun vapore tossico sarà rilasciato nell’aria.
Per realizzare un edificio in legno è necessario prelevare i tronchi, lavorare gli elementi utili per comporre la struttura e trasportare in cantiere le pareti finite. I resti e gli scarti della lavorazione non dovranno essere buttati, poiché potranno essere sfruttati termicamente (sottoforma di pellet o cippato), oppure riciclati, attraverso la loro reintroduzione in natura.

Rispettare l’ambiente è oggi uno degli obiettivi principali che tutti noi dovremmo cercare di raggiungere, iniziando per esempio con la scelta di una case prefabbricata in legno. Attraverso l’adozione di piccoli dettagli sarà inoltre possibile salvaguardare ancor di più l’ecosistema, abolendo innanzitutto la presenza di combustibile fossile come gas, carbone e petrolio, poiché le case prefabbricate in legno possono e dovrebbero basare il consumo energetico sulle fonti rinnovabili.

Anche se spesso ci si lamenta dei costi elevati degli impianti che sfruttano forme di energia alternativa, non bisogna preoccuparsi perché i veri grandi risparmi arriveranno con il tempo quando la spesa per i comuni gesti quotidiani (come riscaldare o raffrescare l’ambiente) sarà dimezzata, proprio grazie all’impiego di fonti naturali, completamente gratuite!
Una soluzione valida per riscaldare la propria casa potrebbe essere rappresentata dal camino, la caldaie e la stufa a biomasse, poiché utilizzano solo materiali naturali e derivati vegetali, rinnovabili, sostenibili ed economici.

Le case in legno sono costruzioni sofisticate e altamente performanti, pertanto è importante ottimizzare l’impiantistica, attraverso una progettazione che deve saper mirare al raggiungimento dell’incontro ottimale tra costi di acquisto, di installazione e di esercizio.
Trattandosi di materiale al 100% naturale, è possibile tutelare il microclima interno di un’abitazione, e nello stesso tempo far si che assorba dall’aria grandi quantitativi di CO2, utili per evitare il cosiddetto “effetto serra”: l’edificio rilascia gradatamente il carbonio innocuo, prolungando nel tempo la sensazione benefica!
E’ però importante che le pareti siano adeguatamente dimensionate e coibentate per non far penetrare il caldo d’estate e il freddo in inverno, garantendo il microclima naturale per tutto l’anno.

Una casa prefabbricata in legno, per poter essere considerata ecocompatibile deve assicurare un consumo minimo di energia, al fine di dimezzare gli sprechi e il dannoso inquinamento ambientale!

Rispondi

Continua a leggere