Le amministrazioni comunali e le case prefabbricate in legno

Negli ultimi anni, le case prefabbricate in legno, sono sempre più diffuse su tutto il territorio italiano. Le amministrazioni comunali sono disposte ad accettare queste nuove costruzioni a basso consumo energetico. La progettazione è alla base di tutto e le case prefabbricate vengono approvate dalle amministrazioni comunali basandosi su di esse.

L'estetica delle case prefabbricate in legno non è poi così differente rispetto alle costruzioni tradizionali in muratura. La struttura invece si, fin dalla prima progettazione base. E' necessario fare particolare attenzione ad i vincoli architettonici sul quale il nostro paese non transige in alcun modo.

Appoggiarsi ad un tecnico specializzato è il punto di partenza. Potrebbe essere un buon consiglio affidare la progettazione ad uno studio tecnico integrato all'azienda costruttrice, sia per un risparmio economico e sia per una approfondita conoscenza che per esperienza sul campo continua del tecnico, indirizzando il cliente verso la giusta direzione.

Una casa prefabbricata in legno è un nuovo modo di concepire l'abitare, i comuni e le città che appoggiano questa nuova concezione sono sempre di più, integrando nel complesso urbano queste costruzioni sempre più apprezzate dagli italiani. I comuni puntano ad incentivare il risparmio energetico e la bio edilizia.

Le amministrazioni comunali pongono limiti principalmente quando il progetto della soluzione prefabbricata in legno è scomposto e non è affine rispetto all'architettura estetica della città. Il vero problema, a cui le amministrazioni comunali pongono un divieto per la maggior parte dei casi sono le soluzioni abitative con il legno a vista idonee per paesaggi di montagna. Questo principale divieto non è solamente dettato da un problema estetico del nostro paese ma anche per una questioni di giusti spazi differenti da quelli che ci sono a disposizione.

Le soluzioni in legno consentono e consentirebbero di elevare ulteriormente i livelli di sostenibilità ecologica. Questa conversione culturale è già avvenuta in alcuni borghi e paesi in Italia. Tale tendenza e conversione al legno potrebbe aumentare sempre più nel caso in cui le normative edilizie venissero modificate come previsto anche nell'unione europea.

Scritto da Lunedì, 16 Maggio 2016 11:45
Vota questo articolo
(0 Voti)