Grattacieli green e record

La sfida di chi detiene il grattacielo più bello, più alto, più verde è sempre aperta e le Nazioni fra loro, sperimentano e progettano enormi strutture sempre pronti a stupire e raggiungere il massimo, superando ogni record. E' giunta l'ora di nuovo grattacielo in Giappone sviluppatao in altezza con i suoi 350metri e settanta piani. Ad ospitare questa struttura la capitale Tokyo du un area di 455mila metri quadrati. Questo progetto verrà realizzato tutto in legno, con il solo 10% utilizzo di acciaio. Ogni piano avrà l'affaccio su tutti i 4 lati e sarà completato da piante. Un vero e proprio giardino verticale, per riportare la natura all'interno delle città, un altro modo di creare polmoni verdi e riqualificare il territorio. La data prevista per la consegna è il 2041. Un grattacielo in legno unico nel suo genere che costerà circa 4,5 Miliardi di euro, un record anche per l'esborso così elevato, ben il doppio del costo rispetto ad edifici similari realizzati in altri materiali. Una sfida importante che potrà diventare una realtò tra qualche anno, conquistando il podio come torre in legno più alta al mondo.

Prima però di vedere realizzato questo colosso, potremo toccare con mano entro il 2013 a Stoccolma il grattacielo che sarà il più alto al mondo con i suoi 34 piani. Ben lontano dall'edificio progettato in Giappone ma pur sempre di tutto rispetto. Un grattacielo di 34 piani bio ed ecosostenibile. Massimo riguardo per l'energia pulito il grattacielo sarà realizzata per una buona parte in calcestruzzo, ovvero la struttura portante ma la restante parte sarà in legno. Quindi utilizzo di pannelli solari e pompa geotermica, ricavando il calore direttamete dal sottosuolo. Il progetto ricerca eleganza e luminosità.

L'aumento della popolazione nelle città, porta a creare nuovi spazi, si realizzano soluzioni che occupino lo spazio verticalmente. A Londra si trova un giardino verticale alto 8 piani. A Dubai è stata un progettata la Seawater Vertical Tower, una vera e propria serra verticale che verrà irrigata con l'acqua del mare. In India l'uomo più ricco dello stato ha voluto un palazzo alto come 60 piani che risultano essere 27 nella realtà, questo per la scelta di soffitti più grandi, rispetto al normalità.

Non è finita qui, ci sono moltissimi grattacieli green sparsi per il mondo, sempre più all'avanguardia e sempre più “verdi”, a Rotterdam in Olanda è stato realizzato un grattacielo green dal nome Urban Cactus di 20 piani e contenente 98 appartamenti un vero e proprio giardino verticale composto dalle sue terrazze che ruotate creano ombre e luce. Nel cuoer di Dubai è stato realizzato il Burj Al-Taqa grattacielo di 333 metri e 60 piani. Il grattacielo produce fabbisogno energetico con un impianto solare e un impianto eolico è inoltre composto da 6 giardini pensili sul tetto.

Esistono inoltre, palazzi importanti datati che hanno subito importanti rimodernizzazioni. Un esempio, forse il più famoso si Trova a New York e il suo nome è Herst Tower. Questo edificio realizzato con materiali riciclati ha un sistema di raccolta piova che copre tutte le utenze dell'edificio, inoltre è realizzato con vetri a bassa emissioni che permettono una riduzione incisiva sulle dispersioni termiche. Sicuramente tutto interessante, ma la particolarità di questo edificio è l'essere stato realizzato sopra un edificio art déco esistente dal 1920. Una ristrutturazione Green l'ha subuta anche il Cis Tower di Manchester, grattacielo nato nel 1962 di 122 metri di 25 piani. Nel 2004 ha subito un rinnovamento ed è stato rivestito da 7.244 pannelli solari.

I grattacieli green da diversi anni, sono in continua espansione, non ci resta che attendere di vederli sempre più presenti nelle grandi città e non solo.

Scritto da Costruire Bio Srl Venerdì, 11 Maggio 2018 17:55
Vota questo articolo
(4 Voti)