Costruzioni, Confindustria punta sul risparmio energetico

Costruire e gestire gli edifici ricorrendo all'innovazione tecnologica, secondo principi di sostenibilità ed efficienza. Con queste premesse si è svolto in Confindustria un incontro per orientarsi verso una disciplina pianificatoria adottabile dalle pubbliche amministrazioni nella stesura dei pgt.

 

Al seminario erano stati invitati gli amministratori dei Comuni di Mantova e della provincia, proseguendo la collaborazione avviata con Patto dei Sindaci. Il vice presidente di Confindustria Gianluigi Coghi ha sottolineato come nell'edilizia sia in corso un radicale cambiamento: «La crisi globale ha portato a ragionare in modo diverso. L'industria delle costruzioni è convinta che investire sulla trasformazione del territorio sia l'unico modo per uscire dal tunnel. Le aree di espansione non sono più generatori di cassa per i Comuni. Nel nostro Paese abbiamo un patrimonio edilizio in molte zone degradato. Deve essere ricostruito e manutenuto». La via tracciata lega quindi il processo di ripresa a un sostanziale miglioramento ambientale e al risparmio energetico.

Tra i relatori, il direttore di Cresme, Lorenzo Bellicini, chiamato a disegnare gli scenari futuri: «Occorre riconfigurare i mercati, dobbiamo fare in modo che il cambiamento si sviluppi con i nuovi regolamenti edilizi. Sono 705 i Comuni italiani che nel 2010 hanno inserito nuove norme sul risparmio energetico». Il presidente di Ance Mantova, Giuseppe Pattarini, ha reso noti i risultati del settore nel Mantovano, offrendo buoni auspici per il futuro. «Nel 2010 c'è stato un forte aumento nel compartimento dei componenti immobiliari, purtroppo gli investimenti non hanno seguito questo trend, ma c'è sempre margine per recuperare». Sollecitata infine l'apertura di sportelli per il check-up energetico gratuito, scaglioni di Ici differenti che premino l'immobile a maggiore risparmio energetico, incentivi stabili nel tempo e parametrati in base agli interventi eseguiti. Tra i relatori anche Antonio Gennari, direttore del Centro studi Ance nazionale.

Graziella Scavazza
(fonte Gazzetta di Mantova)

Scritto da Costruire Bio Srl Mercoledì, 30 Novembre 2011 00:00
Vota questo articolo
(1 Vota)