COSTRUIRE BIO LANCIA UN MODO DI PROGETTARE NUOVO: “GEOMETRIE EMOZIONALI”

Queste le caratteristiche e il punto di forza di questa villa unifamiliare progettata dagli Architetti e Progettisti dello staff CostruireBio.

Il progetto ha un linguaggio architettonico lineare e contemporaneo funzionale alla ripartizione spaziale.

La villa si presenta come la perfetta combinazione tra volumi puri che si sormontano definendo porticati e facciate in modo netto e lineare.

Nessun vincolo progettuale, eccezion fatta per la richiesta della committenza di sostenibilità e vivibilità del fabbricato in funzione della distribuzione degli spazi vitali e del mantenimento della privacy famigliare.

Il progetto ha da subito cercato di rispondere a tali esigenze, sia attraverso un linguaggio architettonico lineare e contemporaneo, funzionale alla ripartizione spaziale, sia assicurando i requisiti di efficienza energetica, attraverso un involucro ad alte prestazioni, l’impiego di fonti rinnovabili e tecnologie innovative a basso consumo, che ne hanno fatto un edificio in classe A.

Dal punto di vista architettonico, la villa si presenta come la perfetta combinazione tra volumi puri che si sormontano piacevolmente, intersecandosi e definendo porticati e facciate in modo netto e lineare.

L’uso attento dell’illuminazione esterna enfatizza i chiaro-scuri creati dai volumi guida nel percorso verso l’entrata dell’abitazione.

Proprio il tema della percezione dello spazio nei percorsi funzionali è stato uno dei criteri che ha ispirato il progetto.

Prendendo spunto dal concetto di “processionalità” dei nostri Architetti e Progettisti, secondo cui: “Di certo l’Architettura non è progetto dello spazio e di sicuro non è composizione o organizzazione di volumi.

Queste sono operazioni secondarie rispetto a quella fondamentale, che è l’organizzazione della successione, della processionalità…

L’ Architettura esiste solo nel tempo…Anche il turista più sprovveduto sa quanto più piacere procuri il Partenone, perché sull’Acropoli si deve salire in piedi…La bellezza è il risultato del modo in cui ci si muove nello spazio…Da dove e per dove, sono virtù architettoniche positive, non negative; sono fondamenti per ogni disciplina artistica….”

I nostri Architetti hanno progettato una villa caratterizzata da volumetrie, percorsi e geometrie pulite.

E se l’esterno è volume e geometria, l’interno è pura emozione: il rincorrersi delle linee geometriche immerse nel bianco, gli spazi aperti senza scansioni murarie e il grande terrazzo con vista cielo del piano superiore, permettono all’occhio una percezione visiva e spaziale totale, in cui la luce è libera di correre in ogni direzione e di trasmettere sensazioni di libertà e di benessere.

 

Scritto da Costruire Bio Srl Mercoledì, 20 Novembre 2013 13:42
Vota questo articolo
(0 Voti)