Come vivere in una casa in legno

Il perfetto abitante di una casa prefabbricata in legno deve adottare comportamenti utili a garantire il risparmio energetico, ad evitare ogni possibile impatto negativo sull'ambiente, al fine di renderlo migliore e vivibile.

Le case ecosostenibili sono attente al risparmio, all'efficienza e al rendimento, inoltre grazie all'utilizzo di fonti rinnovabili e attraverso un'adeguata e precisa progettazione, sarà possibile ridurre l'inquinamento causato dai gas serraimmessi nell'atmosfera.

La possibilità di disporre gratuitamente dell'energia derivante da fonti rinnovabili, potrebbe indurre ad un utilizzo a volte non molto ragionevole dei dispositivi elettronici o termici, ignorando come per queste abitazioni a basso consumo energetico sia opportuno utilizzare tutti gli impianti a disposizione in maniera intelligente, evitando inutili sprechi grazie a semplici accorgimenti e abitudini, nel rispetto di uno stile di vita attento al risparmio sulle bollette di luce e gas e attento alla salute al benessere dell'essere umano e della natura.

Consumare con intelligenza vuol dire impiegare in maniera adeguata gli elettrodomestici, utilizzare le lampadine a basso consumo, ricordarsi di spegnere la luce durante il giorno ed evitare gli sprechi d'acqua.

Ma quali sono esattamente i comportamenti da adottare per vivere al meglio all'interno di una casa in legno, affinché sia garantito il risparmio economico e il rispetto dell'ambiente seza rinunciare a nessun comfort?

A) Le case prefabbricate in legno sono più efficienti della altre, pertanto installare una caldaia a potenza ridotta è un'ottima soluzione, poiché garantisce un'efficienza maggiore dl 15-20% e il suoi costi sono vantaggiosi.
B) Scegliere il riscaldamento a pavimento consente di riscaldare l'abitazione dal basso, garantendo con minor temperatura gli stessi comfort.
C) Predisporre una centralina di regolazione automatica della temperatura che rileva i gradi esterni e quelli interni permetterà di mantenere sempre la temperatura ideale senza sprechi di energia. La previsione di un timer consentirà inoltre di regolare il clima anche quando gli abitanti saranno lontani dalla loro dimora.
D) Per limitare le inutili dispersioni di calore è consigliabile durante le ore notturne, abbassare le tapparelle, affinché sia possibile ridurre la dispersione di calore.
E) Non coprire i termosifoni con tende, mobili o divani, poiché in tal modo potrebbero perdere la loro efficienza.
F) Tenere chiuse le porte dei locali non utilizzati durante il giorno può essere utile ad impedire la circolazione di aria calda e di conseguenza limitare il lavoro della caldaia.
G) Per un completo ricambio dell'aria è necessario spalancare le finestre per circa una decina di minuti possibilmente durante le ore più calde della giornata, affinché sia possibile spegnere la caldaia per evitare un inutile consumo energetico.
H) Ogni 2-3 anni si consiglia di verificare la condizione delle tubature all'interno dell'isolamento, poiché il loro malfunzionamento potrebbe causare inutili dispersioni di calore.
I) Gli elettrodomestici dovrebbero essere azionati durante le ore serali e sempre a pieno carico.
L) Collegare le prese ad una ciabatta dotata di interruttore per evitare il consumo in fase "stand-by" par il tempo in cui gli apparecchi elettronici non vengono utilizzati.
M) Si sconsiglia l'utilizzo dello scaldabagno e della cucina elettrica. Il loro azionanento potrebbe influire addirittura del 20% sul consumo totale di energia elettrica.
N) In una casa prefabbricata in legno l'impianto di condizionamento è abbastanza inutile grazie al comfort termico che tali strutture riescono a garantire. Per tale ragione è più indicato un impianto di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore. Qualora all'interno dell'abitazione fosse presente un impianto di aria condizionata, si consiglia di mantenere la temperatura interna non inferiore a 4-5 gradi rispetto alla temperatura esterna.

Scritto da Venerdì, 12 Settembre 2014 17:32
Vota questo articolo
(0 Voti)