Climatizzatori contro il caldo e l'umidità

Negli ultimi anni sempre più persone attrezzano le proprie strutture con impianti di climatizzazione, per garantire un miglior comfort ambientale, nonché una maggiore qualità dell’aria e una sensazione di freschezza, anche quando le temperature esterne sono roventi.

 I climatizzatori oggi sono apparecchi accessoriati, multifunzionali e molto silenziosi, in grado di garantire un clima piacevole all’interno delle case e nei luoghi di lavoro.
La tipologia del sistema e la potenza di questo dipendono dalle dimensioni dell’ambiente che dev’essere rinfrescato, infatti sarà utile tenere in considerazione il numero di stanze e la loro superficie.

Generalmente è consigliabile:
- una potenza di 6.000-8.000 Btu/h per ambienti con una superficie compresa tra i 15 e i 20 mq;
- una potenza di di 9.000-10.000 Btu/h per quelli tra i 20 e i 30 mq
- una potenza di 11.000-14.000 Btu/h per quelli di circa 40 mq.
(la potenza viene indicata in Watt o in Btu/h, e fa riferimento alla capacità di un apparecchio di cedere o assorbire il calore in un’ora)

Esistono molteplici scelte, tra le quali il monosplit (ideale per un solo locale), il multisplit (più indicato per l’intera struttura), l’impianto canalizzato (che prevede un’unità interna ed una esterna, collegate a condotti per la distribuzione dell’aria, nascosti da controsoffitti), ecc… Esistono anche alcuni modelli portatili, i quali richiedono solo l’inserimento della spina per entrare in funzione, ideali per i piccoli spazi o per coloro che vivono in appartamenti in affitto e non desiderano fare interventi di muratura.
Nel caso di un climatizzatore fisso, l’unità interna viene installata a parete, pertanto non sarà possibile spostarla. Le due unità, collegate l’una all’altra da tubazioni frigorifere e da cavi elettrici che passano attraverso i muri, richiedono l’istallazione da parte di personale specializzato. (Ricordiamo che nel caso del multisplit, ad un’unica unità esterna sono collegati più elementi interni).

Molti di questi impianti possono produrre anche aria calda, poiché sono provvisti di una pompa di calore che inverte il ciclo di raffreddamento producendo calore anziché freddo.
Alcuni inoltre, sono dotati di microprocessori che permettono durante la notte il periodico controllo della temperatura impostata, capaci, in caso di black-out , di ristabilizzare il normale funzionamento al ripristino della tensione.
Grazie ad una funzione di autodiagnosi sarà poi possibile rilevare automaticamente eventuali errori o problemi che si potranno visualizzare sull’unità interna.

I condizionatori, oltre a raffrescare (o eventualmente a riscaldare) l’aria, la rendono più pulita, infatti diversi apparecchi sono dotati non solo di filtri utili a trattenere la polvere e le particelle microscopiche, ma anche di appositi sistemi che si occupano della purificazione attiva grazie alla produzione di atomi di idrogeno attivo e ioni di ossigeno che contrastano efficacemente virus, batteri e allergeni.

Oggi per merito della tecnologia sempre più avanzata è possibile controllare i condizionatori a distanza attraverso apposite applicazione per smartphone e tablet, una soluzione ottimale per coloro che desiderano trovare la casa fresca al rientro dalle vacanze, dal lavoro, o da una semplice passeggiata.
Questi climatizzatori funzionano grazie al sistema wi-fi, che permette di trasformare il proprio smarthphone e tablet in un vero e proprio telecomando capace di accendere, spegnere e/o regolare la temperatura dell’apparecchio in ogni momento e in ogni luogo.
In questo casa sarà necessaria l’installazione da parte di un tecnico specializzato che necessiterà di un router per poter effettuare il collegamento ad Internet.

Scritto da Costruire Bio Srl Lunedì, 01 Giugno 2015 16:05
Vota questo articolo
(1 Vota)