ABOLIRE LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Le barriere architettoniche (marciapiedi, scale, piccoli ascensori ecc…) sono degli ostacoli alla mobilità di persone costrette a muoversi con sedie a rotelle o altri mezzi di sostegno.

Considerato che l’incidenza degli infortuni domestici sulla popolazione, rispetto ad altri tipi di infortuni sul lavoro, appare evidente che anche in casa è bene progettare degli ambienti nei quali non siano presenti ostacoli architettonici che possano provocare incidenti.

I soggetti che subiscono il numero più alto di infortuni sono i bambini, ma sono gli anziani quelli che subiscono le conseguenze più gravi e invalidanti, per incidenti per lo più imputabili alla struttura degli appartamenti, al loro arredamento e alla loro manutenzione.

E’ opportuno prevedere alcune caratteristiche che consentano con poca spesa l’adattabilità dell’unità immobiliare e la migliore funzionalità della stessa con il fisiologico invecchiamento della famiglia che la abita.

Esistono, comunque, norme che obbligano nel caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni a prevedere requisiti relativi al superamento delle barriere architettoniche.

Per accessibilità si intende la possibilità, anche per le persone con ridotta capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l’edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente.

Per visibilità si intende la possibilità, anche anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di accedere agli spazi di relazione e ad almeno un servizio igienico di ogni di ogni unità immobiliare.

Sono spazi di relazione gli spazi di soggiorno o pranzo dell’alloggio e quelli del luogo di lavoro, servizio ed incontro, nei quali il cittadino entra in rapporto con la funzionalità ivi svolta.

E’ un livello di accessibilità limitata ad una parte dell’edificio o delle unità immobiliari.

Per adattabilità si intende la possibilità di  modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo complementare ed agevolmente fruibile anche da persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.

 

Rispondi

Continua a leggere